01 BH Circolari covid 19 11 24marzo

 

Riconoscimento qualifiche professionali in italia

recognition

Il CNI attraverso il CNI offre un servizio di riconoscimento delle qualifiche professionali in Italia che permetta all'ingegnere ….

IL RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI IN ITALIA

I cittadini degli Stati Membri dell'Unione Europa, dei Paesi dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e della Svizzera possono esercitare una “professione regolamentata” in Italia dopo aver ottenuto il riconoscimento del proprio titolo o della propria qualifica professionale dalle Autorità competenti.

 

Il riconoscimento delle qualifiche professionali in Italia è regolamentato dal Decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 206 che ha recepito la direttiva 2005/36/CE .

Il 18 gennaio 2016 è stata recepita in Italia la direttiva 2013/55/UE con Decreto Legislativo 28 gennaio 2016, n. 15 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n.32 del 9 febbraio 2016) che oltre a prevedere modifiche alla direttiva 2005/36/CE ha introdotto alcune novità per facilitare la libera circolazione dei professionisti nei Paesi UE.

 

La 'professione regolamentata' è, ai sensi della direttiva europea, l'attività o l'insieme delle attività che possono essere esercitate solo se si è in possesso di determinati titoli, certificati, abilitazioni.

Ogni Stato membro è libero di scegliere quali professioni regolamentare e i requisiti necessari per accedere ed esercitare la professione, purché siano rispettati i principi di non discriminazione, proporzionalità e necessità.

L'Italia regolamenta le professioni inserite in un apposito elenco.

In Italia la professione di ingegnere è una professione regolamentata.

Le professioni regolamentate negli altri Stati dell'UE, dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e della Svizzera e le relative Autorità competenti sono elencate sul sito della Commissione europea.

La direttiva disciplina il riconoscimento delle qualifiche professionali nelle seguenti ipotesi: stabilimento e libera prestazioni di servizi (mobilità temporanea).

Con il diritto di stabilimento un cittadino europeo può esercitare la sua professione in Italia dopo aver ottenuto il riconoscimento della qualifica o del titolo ottenuto in un altro Stato dell'UE.

Con la libera prestazione di servizi un cittadino europeo può svolgere in Italia in modo temporaneo e occasionale l'attività professionale che svolge stabilmente in un altro Stato dell'UE dopo aver presentato una dichiarazione preliminare scritta.

 

Fonte: Dipartimento per le politiche europee


CENTRO DI ASSISTENZA ITALIANO

Il Centro di assistenza per il riconoscimento delle qualifiche professionali in Italia, previsto dall'art. 57-ter della Direttiva 2013/55/UE, è istituito presso il Dipartimento Politiche Europee (art. 6 del Decreto legislativo 206/2007, così come modificato dal Decreto Legislativo 15/2016).

 

Il Centro di assistenza:

  • fornisce ai cittadini le informazioni necessarie in materia di riconoscimento delle qualifiche professionali. Le richieste possono essere presentate al seguente indirizzo mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;
  • assiste, se del caso, i cittadini che necessitano del riconoscimento delle qualifiche professionali o della libera prestazione di servizi, eventualmente cooperando con il centro di assistenza dello Stato membro di origine nonché con le autorità competenti e con lo Sportello Unico, già previsto dalla Direttiva servizi. Per assistenza il Centro può essere contattato al seguente numero telefonico: 0039 06 67795322.

 

Per contattare il Centro:

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Dipartimento per le Politiche Europee

Tel. (+39) 06 67795322 - 5210

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Componenti: Giovanna Corrado, Lucia Monaco

world red
INTERNATIONAL

 

euring
EURING